La festa più chic

FLYER_CAPODANNO_Caracciolo_ELETTRONICO-01

Napoli, croce e delizia dei suoi abitanti, teatro di cronaca dagli scenari incantevoli e inimitabili, sovrastata da un cielo azzurro e dal Vesuvio, leggendaria minaccia e simbolo della città.

E proprio di fronte al gigante, sulle acque del Golfo, si affaccia una splendida terrazza panoramica.

Villa Caracciolo è lieta di invitarvi a “La festa più chic” per celebrare insieme insieme l’anno concluso e festeggiare quello nuovo che verrà.

Negli ampi saloni della Villa gli ospiti saranno accolti con un delizioso aperitivo di benvenuto, per proseguire a tavola con un menù squisitamente mediterraneo, accompagnati da vini tipici pregiati.

Allo scoccare della mezzanotte lo staff offrirà a tutti gli ospiti un brindisi e una degustazione di dolci tradizionali, e sarà possibile ammirare gli spettacolari fuochi d’artificio dalle vetrate sul mare.

La struttura è dotata di un ampio parcheggio.

Organizzare il matrimonio in modo simpatico e innovativo.SireApp, l’app per i matrimoni.

Organizzare il matrimonio in modo simpatico e innovativo.SireApp, l'app per i matrimoni.

Un’applicazione simpatica e innovativa per organizzare il proprio matrimonio? Con SireApp si può! Sire Ricevimenti infatti, in occasione della fiera Tutto Sposi, che si terrà dal 19 al 27 ottobre alla Mostra d’Oltremare di Napoli, presenterà SireApp, la nuova applicazione per smartphone Apple Store e Android presonalizzata per il  matrimonio. L’app di sire è scaricabile dal market di Android e dall’Apple Store e ed è formata da  10 pagine circa che contengono le informazoni principali sul matrimonio come dettagli sugli sposi, la location del ricevimento, la chiesa,la lista di nozze e altre notizie e curiosità sul matrimonio. L’applicazione sarà scaricata dagli invitati che così avranno l’opportunità di ottenere informazioni sul matrimonio in modo rapido e divertente. SireApp resterà funzionante e sarà scaricabile per 12 mesi, ed in seguito potrà essere rinnovata, evolvendosi in un’app che segue gli sposi nel loro percorso di vita (viaggio di nozze ecc.). Sul sito Sire ci sarà una pagina dedicata all’app raggiungibile tamite il sito www.sireapp.it e sarà possibile scaricare una demo inserendo come parola chiave sire ricevimenti.

Napoli matrimonio subacqueoNaples underwater weddingNaples mariage sous-marin

Napoli matrimonio subacqueo

Al posto del frac una muta per lui  e per lei lo stesso ma con velo bianco sul capo.Il loro fatidico sì ha risuonato oltre 15 metri di profondità dei fondali flegrei.
Il primo cittadino  di Bacoli, Ermanno Schiano ha  officiato le insolite nozze, con la tenuta da sub e la fascia tricolore, comunicando con la coppia attraverso dei cartelli. 
Lei Daniela Coppola, di 29 anni, e Fabio Petricelli, di 33 anni – entrambi esperti subacquei – hanno scelto di convolare a nozze sott’acqua.
Alla cerimonia,  hanno partecipato 40 invitati con muta, maschera e bombole, tutti animati da una comune passione per gli abissi.Il rito del matrimonio è stato ufficializzato qualche giorno dopo in municipio.
 

Città della Scienza rinasce dalle ceneriAugmentation de la Cité des Sciences de ses cendresAugmentation de la Cité des Sciences de ses cendres

ittà della Scienza rinasce dalle ceneri

Arriva  da Roma una buona notizia per Napoli, riguarda la ricostruzione di  Città della Scienza. I  Laboratori di Educazione alla Scienza riacquisteranno vita molto presto.

Si tratta di  un accordo triennale  firmato dall’azienda aerospaziale Avio. L’intesa prevede un contributo in termini di supporto tecnologico e di ricerca, è inoltre un ottima possibilità  università del territorio, un gruppo di ricercatori  presiederà i lavori.  Ad annunciarlo l’amministratore delegato della Avio, Francesco Caio.

Festa del Lavoro Napoli la celebra con l’arteNaples celebrates Labor Day with artNaples célèbre la fête du travail avec l’art

Domani è il I Maggio Festa dei Lavoratori, nata per  ricordare l’impegno del movimento sindacale ed i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori. La festa del lavoro è riconosciuta in molte nazioni del mondo ma non in tutte.

Con  essa si intendono ricordare le battaglie operaie volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’ orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore. Tali battaglie portarono alla promulgazione di una legge che fu approvata nel 1866 nell’Illinois (USA); con la  Prima Internazionale le  legislazioni simili furono  approvate anche in Europa.

 

Napoli città pregna di storia e monumenti  la celebra con la partenza del mese dedicato alle  sue ricchezze, attraverso il Maggio dei Monumenti oltre 100 chiostri e cortili verranno aperti, alcuni anche  per la prima volta, è il caso di quelli del cinquecentesco monastero di clausura detto “delle Trentatrè”.

Previste 600 visite guidate,  più 200 nelle stazioni Art- Metrò , sarà possibile assistere a 80 performance, tra Palazzo Reale e Capodimonte, a cui aggiungono 76 eventi  e 25 mostre.

Grossi sono i numeri del ‘Maggio dei Monumenti, che affascinerà appassionati e non  dal 4 maggio al 2 giugno a Napoli.

 

Guida Completa Al Maggio dei Monumenti 2013

 

Rapina a mano armata, furto di 5 pizze a Forcella

Sarebbe potuta essere la scena di punta di una pellicola del migliore neorealismo cinematografico  italiano; ma di neorealistico ha tutto il sapore della così detta crisi, o meglio la fame italiana, solo che si tratta della realtà più pura e spregiudicata.

E’ accaduto a Forcella ieri sera , in una pizzeria dal centro storico di Napoli un cliente ordina cinque margherite da portar via, il locale è  pieno  scene di quotidianità per le pizzerie di Napoli  che, dopo pochi minuti, si trasforma nel perfetto soggetto di un film:.

Il cliente delle 5 pizze una volta pagato  il conto, esce  si dirige verso casa, quando alle sue spalle :  “Dammi le pizze, anche i miei figli hanno fame e pure loro devono mangiare”.

Il rapinatore ‘buono‘ non ha chiesto nulla di valore, ne soldi ne telefono cellulare,  voleva solo sfamare la  sua famiglia .

Consegnate prontamente le pizze al rapinatore, che se ne va allungando il passo. La vittima torna in pizzeria; un cameriere nota il suo stato di agitazione e gli offre un bicchiere d’acqua. “Rifatemi cinque pizze”, chiede il cliente. “Ma voi non siete appena uscito?”, gli chiede il cassiere. E qui viene fuori la storia. “Non mi crederete, ma sono stato appena rapinato”.

O’ mast re Chef buona la prima king of chef Good firstRoi du chef Bonne première

La prima sfida de ” O’ mast re chef ” premia la tradizione, si sono sfidati a colpi di salsine e manicaretti i primi ‘masti chef’.

Lei  è  una ricercatrice universitaria e lui un ex antiquario, Zelda Marino e Carmine De Gregorio, due persone molto diverse ma accomunate da la stessa passione, la cucina.

E’ stata una serata intensa quella a Posillipo, il ristorante Donnanna  ha ospitato ben 80 commensali i quali hanno vagliato   i manicaretti studiati per l’occasione da i due chef della serata.

Assieme alla giuria di qualità  composta da : Bruno Sganga giornalista enogastronomo, Fabio Brescia showman attore conduttore radiofonico, Marco Alberti produttore lattiero-caseario; decretando la vittoria della prima sfida del contest culinario posillipino.

Ogni singola portata è stata valutata attraverso una valutazione estetica , simpatia dello che , oltre l’ ovvio  sapore, il cappello di chef se l’ è aggiudicato Chef Carmine, le sue armi vincenti la semplicità e il richiamo al mare e ai suoi sapori.

Al Donnanna va in scena : ‘O Mast re Chef’At Donnanna goes on stage : ‘O Mast re Chef’Donnanna monte sur scène : ‘O Mast re Chef’

O’ Mast in napoletano significa capo, il maestro, colui che sa e può trasmetterlo o semplicemente  viene investito di tale  ruolo grazie al seguito e ai consensi, ricevuti.

Il  Must(er) per gli americani racchiude lo stesso significato, a fare la differenza è solo un gioco di vocali.

Dall’ inconfondibile vena creativa partenopea nasce l’idea di rendere l’idea di una cena differente, i semplici amanti della cucina e tutti gli  appassionati potranno indossare il capello dello chef e non solo,  per una sera.

Stupire se stessi i  propri commensali, il tutto arricchito da sana competizione e voglia di mettersi in gioco.

Il ‘campo di battaglia’ è  sarà il favoloso ristorante Donnanna affacciato su Caracciolo, a piena vista golfo.

Quindici le sfide previste  per gli  insoliti  chef, che un’ attenta giuria tecnica valuterà attraverso i criteri di gusto, estetica e passione; all’ interno della sfida culinaria prenderà vita anche una gara fotografica, sulla presentazione visiva di ogni singola portata.

 Giovedì 4 aprile la prima sfida dopo le preselezioni, ogni martedì e giovedì a partire dalle 20:30 fino alle 00:30, i 32  sfidanti si affronteranno ad eliminazione diretta, affrontandosi in sedicesimi, ottavi e quarti di finale,  la gara si concluderà con la  finalissima il 18 luglio 2013.

Quando: martedì e giovedì
Dove: Ristorante DonnAnna, Via Posillipo, 16       081 5757257  –  081 769 0920

 

Degusto e MedEATerranea presentano : O’ mast re chefDegusto and MedEATerraneaexhibit : O’ mast re chefDegusto et ont MedEATerranea : O’ mast re chef

Il ristorante Donnanna di Posillipo sarà sede delle sfide  per amatori del genere.  Da una collaborazione tra Degusto e MedEATerranea prende vita una delle sfide più divertenti e appassionanti del momento quella tra i fornelli.

Non è necessario essere cuochi professionisti, l’ unico  requisito richiesto  è  la voglia divertirsi misurandosi con la propria passione.

Accademia MedEATerranea :La cucina come divertimento, corsi per single e coppieAcademy MedEATerranea: The kitchen as fun classes for singles and couplesAcademy MedEATerranea: The kitchen as fun classes for singles and couples

L ’atmosfera ricercata e accogliente, del Ristorante  Donnanna di Napoli, raccoglie  uomini e donne appassionati di cucina, che vogliono imparare o approfondire l’arte del cucinare, attraverso nuove tecniche e nuovi strumenti.
Momenti per stare in compagnia e per conoscere la buona cucina Italiana, con particolare attenzione alle ricette della cucina tradizionale, senza tralasciare creatività e innovazione.
Quattro i corsi previsti , da quelli base a quelli più avanzati, seguono un programma a tema, al termine del quale degusteremo i piatti preparati, tutti insieme, seduti a tavola.

Un corso di cucina basa per amatori che intendono misurarsi con il genere in una cucina che non sia quella di casa, un  corso di cucina veloce per gli ha poco tempo ha disposizione ma vuole ottenere il massimo del risultato, cucina per coppie un ottimo antidoto antistress per legare la coppia anche ai fornelli, si sa la cucina non accende le micce di un solo appetito, e in infine un corso dedicato ai single che fanno i conti troppo spesso con fast food e cibi precotti, ecco come avvicinarli alla cucina, e svelargli i trucchi della tradizione e della modernità.