Matrimonio eco-solidale: da oggi si può

Matrimonio eco-solidale: da oggi si può

È possibile tutelare l’ambiente anche il giorno del proprio matrimonio? Certo che si! Basta scegliere un matrimonio eco-solidale. Un pizzico di fantasia, una manciata di originalità ed ecco che ogni fase della cerimonia diventa un’espressione concreta di solidarietà verso l’ambiente. La location giusta sarà sicuramente un’oasi nel verde, aria pulita e relax di suoni e colori. Il menù dovrà essere rigorosamente a Km 0, con piatti locali e cibi di stagione. L’allestimento sarà bio, tovaglie in cotone o lino, posate e piatti composti da materiali naturali e al posto di fiori freschi, piante in vaso da poter riutilizzare senza nuocere alla natura. Per quanto riguarda le bomboniere, si potrà optare per un prodotto biologico acquistato presso un negozio equo e solidale o devolvere la cifra altrimenti destinata ad un’associazione no profit, regalando agli invitati un gesto di amore verso il prossimo e perché no, anche verso se stessi.

Organizzare il matrimonio in modo simpatico e innovativo.SireApp, l’app per i matrimoni.

Organizzare il matrimonio in modo simpatico e innovativo.SireApp, l'app per i matrimoni.

Un’applicazione simpatica e innovativa per organizzare il proprio matrimonio? Con SireApp si può! Sire Ricevimenti infatti, in occasione della fiera Tutto Sposi, che si terrà dal 19 al 27 ottobre alla Mostra d’Oltremare di Napoli, presenterà SireApp, la nuova applicazione per smartphone Apple Store e Android presonalizzata per il  matrimonio. L’app di sire è scaricabile dal market di Android e dall’Apple Store e ed è formata da  10 pagine circa che contengono le informazoni principali sul matrimonio come dettagli sugli sposi, la location del ricevimento, la chiesa,la lista di nozze e altre notizie e curiosità sul matrimonio. L’applicazione sarà scaricata dagli invitati che così avranno l’opportunità di ottenere informazioni sul matrimonio in modo rapido e divertente. SireApp resterà funzionante e sarà scaricabile per 12 mesi, ed in seguito potrà essere rinnovata, evolvendosi in un’app che segue gli sposi nel loro percorso di vita (viaggio di nozze ecc.). Sul sito Sire ci sarà una pagina dedicata all’app raggiungibile tamite il sito www.sireapp.it e sarà possibile scaricare una demo inserendo come parola chiave sire ricevimenti.

Ultimo saluto alle vittime dell’ incidente in IrpiniaLast respects to the victims of the ‘incident in IrpiniaUn dernier hommage aux victimes de “l’incident en Irpinia

Ultimo saluto alle vittime dell' incidente in Irpinia

Il giorno più triste è arrivato, sono disposte l’una accanto all’altra le salme delle 38 vittime  su un  tappeto rosso, le corone di fiori; così vicini come erano state allineate dopo il loro ritrovamento.

I familiari delle povere vittime che hanno perso la vita nel tragico indicente di domenica sera in Irpinia sono giunti  sin dalle prime ore del mattino, al palazzetto dello sport di Pozzuoli e 38 vittime dell’incidente del bus in Irpinia.  Se ne contano 4 mila al Palazzetto dello  Sport di Monteruscello. Altre centinaia si sono fermati fuori dalla struttura, per seguire le esequie sui maxischermi.

Durante l’omelia, il vescovo di Pozzuoli, che ha celebrato la cerimonia, ha lanciato un appello per una solidarietà concreta nei confronti dei feriti e dei familiari delle vittime: «Istituzioni civili e religiose, non lasciamo soli questi nostri fratelli – ha detto Monsignor Gennaro Pascarella – soprattutto quelli che si sono ritrovati senza più sostegni anche economici». Di fronte ad una tragedia simile, ha aggiunto, «forte è lo sconcerto, è difficile parlare».

Ogni parola detta può suonare banale, fuori posto o solo formale. Verrebbe solo di tacere o gridare il proprio dolore». Poi, ha rivolto un invito ai magistrati, cui «spetterà fare chiarezza sulla dinamica dell’incidente per trovarne le cause, ad altri mettere in atto strumenti che non permettano che si verifichino altri incidenti. La prima solidarietà è il rispetto delle regole».

L’Arte della Felicità cartone a NapoliThe Art of Happiness cartoon in NaplesL ‘Art de carton de bonheur à Naples

L'Arte della Felicità cartone a Napoli

Una Napoli plumbea, sotto la pioggia, nei rifiuti e preapocalittica, dove però vi è dove c’è la possibilità di un nuovo inizio. E’ questo  lo scenario, ideato dal  regista Alessandro Rak, che firma il nuovo cartone animato L’arte della felicità.

Un cartoon che apre fuori concorso la Settimana internazionale della Critica, sezione parallela e indipendente della Mostra di Venezia (28 agosto-7 settembre). Il protagonista è Sergio, tassista, che ha abbandonato la passione per la musica. Una notizia sconvolgente lo porta a confrontarsi con la vita.

Prodotto da Big Sur in collaborazione con MAD Entertainment, Rai Cinema e Cinecittà Luce, il film è ambientato in una Napoli cupa, surreale e pre-apocalittica e si avvale delle voci di attori celebri come Renato Carpentieri e Nando Paone in veste di doppiatori.

Medeaterranea Corsi di cucina a Napoli

Medeaterranea Corsi di cucina a Napoli

Se non siete degli abili cuochi ma vorreste imparare a cucinare, partendo dalle basi a  piatti più avanzati  prelibatezze della nostra tradizione. da preparare per i vostri familiari o degli ospiti invitati oggi vi proponiamo una serie di ricette facili che non richiedono particolari abilità né esperienza, suggerendovi anche qualche piccolo trucco.

L’Alta Scuola di Cucina Mediterranea  è un istituto di formazione professionale nelle professioni gastronomiche per le discipline di cucina, pasticceria, cioccolateria, gelateria, bar, panificazione, una vera e propria palestra gastronomica nella quale acquisire, al fianco di qualificati professionisti del settore, le tecniche di lavoro più coerenti con le prassi professionali.

Obiettivo è quello di esaltare il grande patrimonio di creatività e professionalità rappresentato dalla ristorazione nelle sue varie espressioni di tradizione ed innovazione
Formazione e promozione della cultura alimentare italiana , valorizzazione delle produzioni tipiche e di qualità, con particolare riferimento alla Dieta Mediterranea,per fornire al vasto pubblico degli addetti ai lavori e degli appassionati le giuste chiavi di interpretazione del pianeta food.
In particolare, l’ Alta Scuola di Cucina Meditteranea si rivolge a:
– studenti delle scuole secondarie che pensando al loro futuro, vogliono diventare cuochi o pasticceri attraverso un percorso formativo di lungo periodo.
– i principianti che intendono avviare la professione di cuoco, pasticcere, gelatiere, panificatore, pizzaiolo o barman attraverso i corsi base di media o breve durata.
– coloro che, già affermati nella loro professione, desiderano un aggiornamento e un approfondimento di temi specifici
– gli stranieri che desiderano seguire ed apprendere lezioni di stile italiano nelle professioni gastronomiche

Le attività della Scuola, si svilupperanno  presso il ristorante Donnanna a partire dalla secondo settimana di settembre,  i fuochi e le attrezzate  specificamente a disposizione di tutti i partecipanti ai corsi.

O mast re chef ultimi colpi di mestoloO king mast chef last shots ladleO roi mât chef de tirs dernière louche

O mast re chef ultimi colpi di mestolo

Giunta alle battute finali la gara di cucina più famosa di Posillipo, che ha inaugurato le sue sfide culinarie lo scorso marzo. Le mura e la cucina a vista del ristorante Donnanna sono stati in questi mesi palcoscenico d’ occasione per cuochi dilettanti da strapazzo.

Sono sei i concorrenti hanno superato ben 22 sfide e si avviano al  gran finale , si  affronteranno martedì 16 luglio e giovedì 19 per per poi sfidarsi un ultima volta martedì 23 luglio.

Una finale senza esclusioni di colpi di mattarello e salsine che prevede la sola presenza di  uomini: giudicati da una giuria tecnica e una giuria popolare, che potrà gustare i menu al costo di 25 euro.

Chiunque può candidarsi come pubblico, per ogni sfida si parte da un numero di  50 fino alle 100 persone.

Napoli matrimonio subacqueoNaples underwater weddingNaples mariage sous-marin

Napoli matrimonio subacqueo

Al posto del frac una muta per lui  e per lei lo stesso ma con velo bianco sul capo.Il loro fatidico sì ha risuonato oltre 15 metri di profondità dei fondali flegrei.
Il primo cittadino  di Bacoli, Ermanno Schiano ha  officiato le insolite nozze, con la tenuta da sub e la fascia tricolore, comunicando con la coppia attraverso dei cartelli. 
Lei Daniela Coppola, di 29 anni, e Fabio Petricelli, di 33 anni – entrambi esperti subacquei – hanno scelto di convolare a nozze sott’acqua.
Alla cerimonia,  hanno partecipato 40 invitati con muta, maschera e bombole, tutti animati da una comune passione per gli abissi.Il rito del matrimonio è stato ufficializzato qualche giorno dopo in municipio.
 

Matrimonio con rissaMarriage fightCombat de mariage

Matrimonio con rissa

E’ bastata una frase fuori posto per trasformare  il giorno più bello della loro vita, nel peggiore.

Ieri a Salerno, presso la chiesa di  Sant’ Egidio del Monte Albino, un matrimonio come tanti altri in questo periodo, questa la stagione per antonomasia dei matrimoni.  A seguire le promesse non il s0lito lancio del riso con applauso, ad accogliere gli sposi, una volta fuori dalla chiesa –  una grande rissa -.

I  parenti dello sposo e della sposa:  una frase fuori luogo, forse una battuta eccessivamente carica di malizia. Ha generato una reazione inaspettata, alcuni  parenti, hanno cominciato a scambiarsi frasi,  poco carine , arrivando successivamente alle  mani

Il pranzo di nozze è stato ovviamente annullato, dal momento che ormai la cerimonia era stata definitivamente rovinata. Quel che è peggio è che questo matrimonio passerà alla storia  come uno dei più brevi, in quanto a rissa finita i neo sposi hanno deciso di procedere all’ annullamento dello stesso

Città della Scienza: Convegno, Calcio Napoli e medicina dello sport insieme per la saluteNo crisis for the City of Science: Conference, Napoli Soccer and sports medicine together for healthPas de crise pour la Cité des Sciences: Conférence, Napoli Soccer et la médecine du sport ensemble pour la santé

Città della Scienza: Convegno, Calcio Napoli e medicina dello sport insieme per la salute

Domani a Bagnoli presso Città della Scienza, sala Newton prenderà vita un galà medico-scientifico.

Il Convegno avrà come argomento la  Medicina dello Sport “ Napoli, insieme per la salute ”,  è organizzato dal Calcio Napoli. La mente e la mano dello staff medico azzurro, coordinato dal dottor Alfonso De Nicola,  relatore a più riprese in quella che sarà una giornata ricca di sessioni interessanti.

Si alterneranno prestigiosi ospiti : il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis; il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris; il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro; il presidente dell’Unione Industriali di Napoli, Paolo Graziano; il consigliere delegato della Fondazione Idis Città della Scienza, Vincenzo Lipardi.
Tra gli altri, interventi dei vice dello staff medico del Napoli, Enrico D’Andrea e Raffaele Canonico;del preparatore atletico azzurro, Giuseppe Pondrelli; del medico della Nazionale, Enrico Castellacci; del medico del Parma, Andrea D’Alessandro; del capitano azzurro, Paolo Cannavaro.

Sire Ricevimenti  sponsor del Calcio Napoli, che da sempre accompagna la società sia in casa che in trasferta sarà presente a città della scienza a tutela dell’ alimentazione, e della salute degli sportivi.

Festa del Lavoro Napoli la celebra con l’arteNaples celebrates Labor Day with artNaples célèbre la fête du travail avec l’art

Domani è il I Maggio Festa dei Lavoratori, nata per  ricordare l’impegno del movimento sindacale ed i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori. La festa del lavoro è riconosciuta in molte nazioni del mondo ma non in tutte.

Con  essa si intendono ricordare le battaglie operaie volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’ orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore. Tali battaglie portarono alla promulgazione di una legge che fu approvata nel 1866 nell’Illinois (USA); con la  Prima Internazionale le  legislazioni simili furono  approvate anche in Europa.

 

Napoli città pregna di storia e monumenti  la celebra con la partenza del mese dedicato alle  sue ricchezze, attraverso il Maggio dei Monumenti oltre 100 chiostri e cortili verranno aperti, alcuni anche  per la prima volta, è il caso di quelli del cinquecentesco monastero di clausura detto “delle Trentatrè”.

Previste 600 visite guidate,  più 200 nelle stazioni Art- Metrò , sarà possibile assistere a 80 performance, tra Palazzo Reale e Capodimonte, a cui aggiungono 76 eventi  e 25 mostre.

Grossi sono i numeri del ‘Maggio dei Monumenti, che affascinerà appassionati e non  dal 4 maggio al 2 giugno a Napoli.

 

Guida Completa Al Maggio dei Monumenti 2013